Slideshow

Bandiere Blu 2015: Undici al Cilento con la new entry Capaccio-Paestum

montecoriceUndici quest’anno gli ambiti fregi blu assegnati al Cilento per il suo mare pulito e per i servizi turistici offerti. Confermato, anzi migliorato, i successi passati, con Capaccio-Paestum che va ad affiancarsi ad Agropoli, Castellabate, Montecorice-Agnone/Capitello, Pollica-Acciaroli/Pioppi, Casal Velino, Ascea, Pisciotta, Centola-Palinuro, Vibonati, Sapri. Sempre crescenti i consensi per il Cilento, che di anno in anno continua a dare il meglio in campo ambientale, non solo per l’attenzione prestata alla pulizia delle acque ma anche per la gestione della raccolta dei rifiuti e per il livello dei servizi offerti ai turisti che sempre più numerosi, scoprono le incomparabili bellezze paesaggistiche e culturali offerte da questa terra meravigliosa. Come noto le bandiere assegnate dalla FEE (Fondazione per l’educazione ambientale) premiano i comuni con mari di eccellenza in quanto a balneazione, e nei quali le amministrazioni locali hanno profuso il massimo impegno nella tutela dell’ambiente, nella promozione di un turismo sostenibile, nel rendere e mantenere efficienti gli impianti di depurazione, nel favorire la raccolta differenziata dei rifiuti, nella valorizzazione di aree naturalistiche, nella cura dell’arredo urbano e delle spiagge, rimuovendo quelle barriere architettoniche che, dove presenti, penalizzassero persone con limitata capacità motoria. Un ulteriore ed ambito riconoscimento é poi andato alle località di Salerno, Agropoli, Casalvelino, Acciaroli, Palinuro e Marina di Camerota che hanno ricevuto la bandiera blu per i porti turistici, risultati all’avanguardia per la qualità dei servizi offerti, per le misure di sicurezza predisposte e per le informazioni all’utenza. Analogo riconoscimento in Campania é andato agli approdi di Capri e Pozzuoli.