Cosa Vedere...

Rovine di Corbella, il primo centro abitato di Cicerale, di architettura medievale
Centro storico
Palazzo Caracciolo, che aveva la funzione di mercato
Chiesa di San Giorgio
Ruderi dell’Edicola basiliana di San Leo, di cui restano dei ruderi
Chiesa di San Nicola del XII sec.
Ruderi dei borghi scomparsi di San Benedetto e Lucolo
Oasi di Ceraso, Bocca di fava e Corbella

Storia...

La prima notizia scritta di Cicerale è del 1463. In epoca longobarda, insieme alla frazione, apparteneva al gastaldato di Lucania, mentre nel periodo normanno fu inserito nella Contea di Capaccio; insieme con la frazione, dipendeva da Monteforte. Appartenne alla famiglia dei Sanseverino, e dai Sanseverino i due casali di Cicerale e di Monte Cicerale furono concessi ai Gentilcore, che contribuirono alla fondazione di un monastero di agostiniani. Poi appartenne ai Carafa Primicicle, che lo tennero fino all'eversione della feudalità (1806).  

Secondo una leggenda, anticamente il paese sorgeva in località Bocca di fava e si chiamava Corbella, di cui si possono ancora ammirare le rovine.


 

Previsioni Meteo