Cosa Vedere...

  • Chiesa di San Bernardino del XVII sec., con all’interno l’olio su tavola “Redentore tra i Santi Bernardino ed Antonio Abate”
    Chiesa di San Salvatore del XVI sec., posta a guardia della città, che custodisce alcuni tesori d’arte tra cui il polittico della Trasfigurazione
    Muro di cinta di Villa Comunale Pavone, che costeggia la strada d’ingresso
    Piazza Torre con la maestosa Torre Mangone del XVI sec.
    Chiesa di Santa Barbara del XIII sec.
    Palazzo baronale De Conciliis del XVIII sec.
    Palazzo Siniscalchi (con cappella pavimentata in antica ceramica vietrese), Torre, Mangone, Albini, Visco e De Feo
    Fontana vecchia con lavatoi e abbeveratoi

Storia...

Il nome “Troclara” compare per la prima volta in un documento del 1058, mentre la prima attestazione risulta nel 1100 in un atto notarile: il vescovo di Capaccio e l’Abate di Cava stabilivano i confini di alcune terre, facendo menzione di una “serra quae dicitur Troclara”.
Il toponimo Torchiara deriva dal latino Turris clara, cioè l’Illustre tra le torri; ebbe un ruolo importante nell’Actus Cilenti, per il controllo della via quae badit a Cilento, ossia la via che porta al Cilento.
Il casale per alcuni secoli fu soggetto alle alterne vicende della famiglia dei Sanseverino, che lo aveva ricevuto dai Principi di Salerno ed attraverso vari passaggi di proprietà si giunge al XVIII sec. con i baroni De Conciliis, che lo dominarono tramite quattro persone “Elette”, rappresentanti dei vari ceti sociali (galantuomini, artisti, agricoltori, braccianti).


 

Video

 

Previsioni Meteo