Cosa Vedere...

  • Chiesa di San Michele Arcangelo
    Chiesa di San Ciro
    Chiesa di San Nicola
    Chiesa di San Giuseppe Lavoratore
    Chiesa di Santa Maria Maggiore
    Santuario della Madonna della Colomba
    Palazzo Spagna, Caracciolo, Pessolano, Di Santi
    Porta d’aquila
    Antiquarium, che conserva reperti dell’età del bronzo ed epigrafi tombali romani
    Resti delle mura megalitiche
    Resti del castello

Storia...

La fondazione di Atena è databile intorno al IV-V sec. a. C.: può vantare origini molto antiche da popolazioni pelasgiche-micenee-tessaliche, come testimoniano le sue mura pelasgiche o megalitiche. Già importante centro greco, assunse un ruolo fondamentale in epoca romana, tanto da diventare predominante rispetto agli altri abitati circostanti. L’importanza della città romana (Municipium Campus Atinas) è testimoniata, oltre che dal copioso materiale presente nell’Antiquarium cittadino, anche da resti archeologici non visibili, quali le terme, l’anfiteatro ed i templi di Giove ed Esculapio.
Soltanto in epoca alto medievale il nuovo nucleo abitativo si consolida nuovamente. Le dominazioni in epoca medievale di Atena vedono susseguirsi i Longobardi e poi i Normanni. Si alternarono al comando del feudo le famiglie dei Sanseverino, dei Carafa, dei Filomarino e dei marchesi Caracciolo di Brienza, che, con i loro governi non sempre equi, favorirono l’adesione della città alla rivolta di Masaniello nel 1647.
Nel Settecento, invece, si ha un miglioramento delle condizioni, come testimoniano le costruzioni di numerosi palazzi nobiliari.
Con l’Unità d’Italia, il paese segue le sorti degli altri comuni del Vallo di Diano, avvicendando a periodi di benessere, altri non altrettanto favorevoli come i due terremoti del 1857 e del 1980.

 

Video

 

Previsioni Meteo